Milano – Dove sta andando il cinema contemporaneo? Ma soprattutto cosa è il cinema oggi, al tempo degli schermi onnipresenti e di una tecnologia in continua evoluzione? È questa la domanda che corre attraverso tutti gli interventi di «alfacinema», lo speciale curato da Paolo Bertetto all’interno del numero 21 della rivista alfabeta2, in edicola e in libreria da sabato 21 luglio. Un inserto di dodici pagine che intendono intercettare e radiografare questo «essere in fuga», per usare scherzosamente il titolo dell’intervento di Uta Felten (tra gli altri autori, Jacques Aumont, Thomas Elsaesser, Giuliana Bruno, Gilles Mouellic).
In questo numero anche interventi di Alberto Burgio su “La nuova guerra civile europea” e GB Zorzoli su una possibile Green Society, oltre allo spaccato su (Not) Occupy – Cultura come bene comune che apre il numero con testi M. Hardt, Anna Curcio, David Lloyd, Gigi Roggero e Teatro Valle Occupato.
E su trasformazioni probabilmente irreversibili riflettono anche Franco Farinelli e Paolo D’Angelo o Lucia Tozzi, Marco Navarra e Giovanni Laganà, Luisa Muraro in dialogo con Marco Dotti. Michele Emmer cura un dossier su Alan Turing nel centenario della nascita.

www.alfabeta2.it

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...