Milano – Finita l’epoca del consenso a ogni costo e dei conflitti addomesticati prima ancora del nascere, si rivela sempre più necessario scegliere la propria posizione, rifiutare le logiche di una meritocrazia dubbia, smontare gli stereotipi. Il nuovo numero di alfabeta2 affronta la (vera o presunta) “eccezione francese”, i fermenti latinoamericani, le rivolte in Québec.
La traduzione – letta come paradigma del nostro tempo – è il soggetto del dossier mensile, che nel numero in uscita contiene anche il corposo speciale  «alfadifferenze», Per una lettura materialista di razza e genere, a cura di UniNomade.

Il numero 23 di alfabeta2  si apre con quattro sonorissimi “contro”: contro gli spettri dell’Uno e a favore di un politeismo politico (Augusto Illuminati); contro l’economia della creatività e la «cultura che fattura» (Christian Caliandro e Fabrizio Federici); contro il lavoro intraprendente e le retoriche aziendali (Andrea Sartori); contro il bullismo degli insegnanti (Paolo Mottana).
Tra gli altri “nodi” proposti anche “Metamorfica” di Cindy Sherman, Francesca Woodman, Claude Cahun, Sherrie Levine; “L’ultimo spettacolo: paradossi del cinema tra Usa e Italia”; “Le mani sul postmoderno” con interventi di Rastier, Bonito Oliva, Ferraris, Curi; “Scrivi come mangi: ovvero dall’Artusi alla Nutellotta”.
L’artista del mese è Emilio Tadini.

www.alfabeta2.it

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...