Ai tempi di Dickens il gin era sollievo per i poveri, Francis Scott Fitzgerald sceglie quattro gin Rickey per stemperare l’atmosfera di tensione nel Grande Gatsby, mentre Ian Flaming fa bere a James Bond il Vesper in Casino Royale. La letteratura restituisce una caratteristica peculiare del gin: l’adattabilità ovvero l’identità indefinita. Veloce da produrre e dunque capace di generare cash flow, ma soprattutto flessibile nella lavorazione – l’unico vincolo imposto dai disciplinari è la prevalenza del ginepro tra le botaniche – il distillato sta vivendo una vera e propria età dell’oro.

Lo racconta un approfondimento per Lifestyle sul Sole-24Ore

Dietro ogni etichetta c’è una storia di passione e curiosità, intraprendenza e testardaggine. I Gin-maker italiani sono alla costante ricerca di nuove formule e vincono oggi tra gli estimatori del distillato per il regionalismo, la curiosità degli abbinamenti, l’utilizzo di botaniche talvolta inedite e sempre espressione della qualità Made in Italy.

Ecco 8 storie di gin maker italiani

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...