L’ironia delle note a margine rivela l’estetica di Puškin

Modena - Evgenij Onegin è un'opera che non vive di eventi indimenticabili, ma racconta le pieghe di uno spirito che è della Russia ottocentesca, che vive nell'anima slava, che parla all'universale con l'indolenza di una civiltà vicina al tramonto e capace di esprimere nelle parole gli eccessi di una intima malattia del pensiero. Alvis Hermanis … Leggi tutto L’ironia delle note a margine rivela l’estetica di Puškin