Mira VE – È libertà quella che porta ad aderire al consesso umano, frenando gli impulsi del corpo animale e soffrendo spesso di eccessiva razionalizzazione nell’approccio alla vita? È questo l’interrogativo di fondo su cui Giuliana Musso ha costruito La Scimmia, un pezzo di teatro denso, difficile, articolato come può essere un esercizio di pensiero che muove da Franz Kafka per un’analisi antropologica del rapporto tra umanità e “corpo animale”. Il punto di partenza è infatti il racconto Una relazione per un’Accademia, ma sullo scheletro del racconto dell’autore boemo la scrittura originale della Musso – con la collaborazione drammaturgica di Monica Capuani – innesta una più contemporanea dissertazione sulla contrapposizione tra natura e cultura.

La recensione integrale è su PAC-Paneacquaculture

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...